Tel +39 335 5297351

Acqua per il Monastero di Debre Damo

Debre Damo è un monastero fortificato risalente al VI secolo e situato nell’ si trova su una montagna isolata (chiamata in amarico Amba) situata nella parte settentrionale della regione etiopica del Tigray, poco distante dalla città di Axum.

Percentuale di finanziamento:
0%

Raggiunto:

Traguardo: 

Livello di realizzazione: Concluso
Numero beneficiari: 250 monaci e 150 persone
Finanziabilità: Finanziato
Profondità del pozzo: 67 metri
Donatore: VIS – Fondazione Butterfly onlus
Termine progetto: Giugno
 2018

Acqua per il Monastero di Debre Damo

La sommità dell’Amba ha una forma che richiama quella di un triangolo isoscele  i cui lati lunghi misurano circa 800 m, il lato corto, lungo circa 300 m, è rivolto verso occidente. Circondata da ripide rupi, la sommità è raggiungibile solo tramite un sentiero impervio che si interrompe a circa 15 metri dalla cima; nell’ultimo tratto è necessario farsi issare tramite delle funi. L’accesso al monastero è concesso ai soli visitatori di sesso maschile.

Fanno parte degli edifici del monastero il refettorio, una cappella e case individuali per i monaci costituite da una stanza per lo studio, una per il riposo e una per la preghiera, tutte affacciate su un piccolo orto. Il monastero, attivo ancora oggi, in passato era un importante centro per la produzione e diffusione di libri e manoscritti su studi teologici etiopi-ortodossi.

Il monastero, data la sua collocazione isolata e inaccessibile, rimase inespugnato anche durante la guerra di conquista guidata da Ahmad ibn Ibrihim al-Ghazi, nel corso della quale ospitò l’imperatore Dawit II (1508 – 1540); in seguito fu usato come carcere per i membri della famiglia reale.

Il progetto, molto complesso per la difficoltà di portare l’acqua fino alla sommità della parete rocciosa  ove si trova il monastero, realizzato da parte del Vis (Volontariato internazionale per lo sviluppo) e della Fondazione Butterfly onlus, ha richiesto più di  tre anni per la sua realizzazione ed è stato   inaugurato il 3 Giugno 2018.

Ha previsto la realizzazione di due pozzi trivellati alla profondità di oltre 70 metri ed un sistema di canalizzazioni, serbatoi intermedi e pompe di grande portata atte a garantire l’acqua potabile ai 250 monaci residenti nel monastero oltre che agli abitanti del villaggio che si trova ai piedi della parete rocciosa. Durante la festa dedicata al Patrono del monastero Aragawi, che si tiene nel mese di Ottobre di ogni anno, oltre 1.500 fedeli, rigorosamente scalano la parete con l’ausilio di una improbabile fune di cuoio.

Per maggiori informazioni:

Condividi su:
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su google
Condividi su pinterest
Condividi su tumblr
Condividi su reddit
Condividi su vk
Cerca un progetto: